F.I.K.D.A.
Menu Principale
Kombat Nutrition (prima parte)
La logica talvolta è crudele, però dannatamente necessaria.

Parlare di nutrizione per il kombat è tutt’altro che facile, non perché complicato, ma perché spesso affrontato dall’angolazione sbagliata. L’atleta kombat non corre, non salta e non “esegue esercizi”. L’atleta kombat, colpisce, evita, schiva, colpisce ancora, proietta ed immobilizza a terra l’avversario.
Il consumo calorico non è dato dalla pura attività fisica, ma dall’interazione psico-fisica e  dall’utilizzo immediato e prolungato di tutte le risorse energetiche. TUTTE.

Quindi, è perfettamente inutile tentare di associare, ad un’attività simile, una nutrizione valida per  chi esegue gesti sportivi perfettamente diversi. È come dire che si può combattere anche con i guanti da sci….

La necessità è la madre di tutte le virtù. E nel combat la necessità è sempre chiara e precisa:
O devi fare peso, o devi perdere peso.
Inoltre non stiamo parlando di uno sport “equilibrato”, quindi smettiamola di parlare di “regimi bilanciati”. Sappiamo benissimo che l’atleta in questione, qualunque sia la scuola di pensiero del suo dietologo-nutrizionista, andrà avanti a mangiare quello che gli serve per raggiungere lo scopo prefissato (fare peso, o perdere peso). Sappiamo benissimo che lo sport estremo, e il kombat è uno sport estremo, richiede sforzi estremi, e questi non si sostengono certi con regimi bilanciati, ma , al contrario, con alimentazioni sbilanciate a favore della necessità e degli sforzi da sostenere.
E sappiamo benissimo che le alimentazioni sbilanciate non sono salutari, soprattutto sul lungo termine.
Ma possiamo studiare meglio la cosa.
Possiamo inserire, nell’ambito della nostra nutrizione, tutte le metodiche atte a contenere e riparare i danni, ed utilizzare principi della moderna integrazione alimentare per ottimizzare tutto quello ingeriamo e trasformarlo nell’energia che ci serve effettivamente. I prodotti alimentari migliori adesso sono ben disponibili sul mercato, ed io stesso ho imparato a conoscerli e ad apprezzarli.

Nei prossimi articoli mi addentrerò nella spiegazione di quella che io considero la vera Kombat nutrition, ma ora voglio affrontare subito i due argomenti più “pelosi”:

Peso: smettetela di fare le trottole. Decidete ora in che categoria volete stare per i prossimi 3 combattimenti. Siate obbiettivi: smetterete di perdere tempo e soldi. E ricordatevi che non fate fitness!

Fame: la fame è l’amica migliore dei vincitori. Chi più ne ha, vince. Sembra un discorso assurdo, eppure guardate bene chi è che per la prima vince un titolo, e chi invece per l’ultima volta non ha saputo difenderlo. Il primo ha fame, il secondo non più. Che sia fame fisica piuttosto che psicologica, poco importa. La prima è sempre parente stretta della seconda, anzi, forse ne è la madre.

Scommetto che qualcuno di voi starà storcendo il naso. Poco importa, sono i fatti che contano. Se siete fitness, mangiate fitness. Ma se siete Kombat, allora è meglio che mi ascoltiate, perché ne ho parecchie da dire…nel prossimo articolo.

Mario Civalleri RKC
Vice-Presidente WDFPF-ITALIA - 1st RKC in Italy

Ripubblicato per gentile concessione di Fight Or Die


I commenti sono proprietą dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.



Dimensione font
Diminuisci la grandezza dei caratteriRiporta i caratteri alle dimensioni normaliAumenta la grandezza dei caratteri
Nuovi utenti
advance_ad 10/5/2012
loans_ae08 10/5/2012
loans_ba07 9/5/2012
himoro1778 7/5/2012
zangqingla 7/5/2012
loans_ab03 6/5/2012
credit_b03 5/5/2012
loans_bb03 5/5/2012
huangls1 5/5/2012
tinastore 4/5/2012
Utenti online
1 utente(i) online (1 utente(i) in Articoli)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 1

Altro...


HomeChi è MarioRegolamento GareContattaciRSS Feed

mario.civalleri@kettlebellitalia.com • (+39) 333 8266757
Kettlebell Italia  |  Design by AkiGB