F.I.K.D.A.
Menu Principale
Emilio Corona : L’ALLENAMENTO CON KETTLEBLL E LE FORZE DELL’ORDINE
Inviato da admin il 11/06/2010 16:10:00 (3654 letture) News dello stesso autore

di CORONA Emilio e RAZZANO Roberto

Gli appartenenti delle Forze dell’Ordine, durante lo svolgimento del proprio servizio di Istituto tra le diverse attribuzioni indicate dal legislatore, è principalmente impegnato a prevenire e reprimere i reati nonché a garantire la sicurezza e il soccorso pubblico.

Di conseguenza sarebbe auspicabile che il personale di polizia mantenga e curi una buona ed efficiente forma fisica, determinante in questo senso è per coloro che sono abitualmente impegnati in servizi operativi, come ad esempio le pattuglie delle Volanti sia in auto sia in moto, ossia in generale tutte le unità operative in servizio nel controllo del territorio.

In questo contesto, è frequente intervenire e gestire varie ed improvvise situazioni anche di pericolo, motivo per cui l'appartenente delle Forze dell'Ordine deve essere in grado, di affrontare tutto quello che è connesso e richiesto dall'intervento da svolgere di volta in volta, non da ultimo un eventuale sforzo fisico. Quindi essere in forma nella maggior parte dei casi si rivela determinante e risolutivo allorché si possiede un fisico forte e dinamico risultato di un buon allenamento.



Gli appartenenti delle Forze dell’Ordine, durante lo svolgimento del proprio servizio di Istituto tra le diverse attribuzioni indicate dal legislatore, è principalmente impegnato a prevenire e reprimere i reati nonché a garantire la sicurezza e il soccorso pubblico.

Di conseguenza sarebbe auspicabile che il personale di polizia mantenga e curi una buona ed efficiente forma fisica, determinante in questo senso è per coloro che sono abitualmente impegnati in servizi operativi, come ad esempio le pattuglie delle Volanti sia in auto sia in moto, ossia in generale tutte le unità operative in servizio nel controllo del territorio.

In questo contesto, è frequente intervenire e gestire varie ed improvvise situazioni anche di pericolo, motivo per cui l'appartenente delle Forze dell'Ordine deve essere in grado, di affrontare tutto quello che è connesso e richiesto dall'intervento da svolgere di volta in volta, non da ultimo un eventuale sforzo fisico. Quindi essere in forma nella maggior parte dei casi si rivela determinante e risolutivo allorché si possiede un fisico forte e dinamico risultato di un buon allenamento.

Per esempio potrebbe capitare che gli Agenti di una pattuglia automontata della Volante verso la fine del turno notturno quando la stanchezza si fa sentire, debbano intervenire per una violenta lite in famiglia al quarto piano di uno stabile senza ascensore. La radio di servizio comunica l’intervento, i componenti ormai stanchi, come detto ormai giunti verso il termine del proprio turno, iniziano a prepararsi psicologicamente alla situazione che a breve gli si presenterà, inevitabilmente le loro pulsazioni iniziano a salire a causa della tensione. Giunti sul posto, allarmati da grida di aiuto, gli unici due poliziotti devono correre per quattro piani appesantiti tra l'altro dalla relativo equipaggiamento, tra cui il giubbotto antiproiettile, con il cuore a mille calmare i protagonisti della lite, immobilizzarne uno di corporatura robusta che oppone resistenza, ed in fine rilevare tutti i dati delle persone presenti, annotandoli per iscritto senza sbagliare per poter fare successivamente in Questura il rapporto dell’accaduto.

Come si può notare, in un banale intervento di routine, gli agenti si sono trovati da una situazione di relativa tranquillità ad una di emergenza, nella quale si sono trovati a gestirla in una forte stato di stress fisico. Situazione di relativa tranquillità perché i componenti della pattuglia, anche se non impegnati in un intervento specifico e giunti quasi al termine del turno devono tenere sempre una soglia di attenzione alta. Di emergenza poiché si trovano ad affrontare improvvisamente una colluttazione ed un forte sforzo fisico.

L'esempio di cui sopra e altre analoghe situazioni operative che si possono verificare nell’arco di un servizio di Polizia evidenzia che un fisico dinamico e forte fa la differenza. Questo consente di recuperare prima la condizione cardiovascolare a seguito di uno sforzo fisico, di mantenere una lucidità mentale e un controllo emotivo durante una forte situazione di stress fisico- psicologico.

Tale risultato può e dovrebbe essere aspirazione di tutti, raggiungibile solo a seguito di un buon allenamento, come si evince diventa così necessità per le persone che svolgono il servizio di Polizia per far fronte a tutte le situazioni che si possono verificare. Pertanto per effettuare un buon allenamento, al fine di raggiungere una forma fisica ottimale la cosa che si può fare è iscriversi in una palestra di pesistica e magari farsi seguire da un personal–trainer, correre, frequentare corsi di arti marziali. Tutto ciò comporta tanta disponibilità di tempo, voglia e un cospicuo investimento di soldi.

Come può fare il nostro poliziotto conteso tra turni di servizio non regolari, straordinari improvvisi (che non permettono un corretto regime alimentare e sballano il metabolismo), recuperi lavorativi saltati per varie esigenze di servizio,impegni familiari e allenamenti. Semplice tralascia questi ultimi con tutto quello che ne consegue.
La soluzione a parer nostro si chiama Kettlebell Training, un metodo di allenamento tanto pratico ed efficace che coniuga in una unica attività l’allenamento con i pesi, l’attività cardiovascolare, la coordinazione e lo sviluppo motorio. Il Kettlebell Training da un forte impulso al metabolismo, ottimizza la capacità aerobica ed incrementa forza e potenza.

Il poliziotto che si allena con questo metodo si troverà a riscontrare che l’accelerazione metabolica data è fondamentale nel calo ponderale del peso corporeo. Cosi non dovrà sottoporsi a stressanti regimi alimentari difficili da rispettare, ma dovrà seguire soltanto delle semplici regole e il resto lo farà l’allenamento. Non dovrà spendere somme notevoli per iscrizioni nei vari corsi in palestra, questo perchè una volta acquistato il Kettlebell rimarrà per sempre

Vedrà la capacità di far fronte a situazioni ad alto impatto aerobico come rincorrere un autore di un furto , salire le scale di corsa di un palazzo o altro di questo genere e lo sviluppo ed incremento della forza funzionale (dove il Kettlebell non ha rivali). Parliamo di forza dinamica, quella vera che ci troviamo ad utilizzare nell’arco della giornata in svariate circostanze. Durante il servizio nell'immobilizzare una persona che da in escandescenza, sfondare una porta di una camera dove vi è all’interno una persona che chiede aiuto, utilizzare lo sfollagente durante una carica in un manifestazione e tanti altri casi.

Tutto questo è possibile con questo tipo di allenamento, cioè un allenamento che coinvolge tutto il corpo (un allenamento a 360°) il Kettlebell Training. Pratico, svolto con un semplice attrezzo che può essere custodito a casa o sul posto di lavoro utilizzabile ovunque anche per brevi ma efficaci work-out. I movimenti richiesti nell’utilizzo del kettlebell sono abbastanza semplici sotto il profilo bio-meccanico, la difficoltà aumenta con lincremento del peso. Ogni gesto atletico deve essere preciso, eseguito con controllo, coordinazione e nella massima concentrazione.

Come abbiamo sentito in diversi contesti, letto su vari testi e soprattuutto provato di persona la pratica rende l’utilizzatore sempre più bravo, consentendogli di ottenere benefici fisici sempre maggiori.Per questa serie di motivi il Kettlebell Training viene impiegato, da sempre durante le fasi di addestramento del Esercito e Polizia della Russia, la patria del Kettlebell.

Con questo tipo di allenamento la palestra di pesistica, tutti i vari sistemi e teorie di allenamenti e quanto altro di questa (ripetizio nell'esecuzione degli esercizi, diete alimentari
complesse di difficile attuazione per una persona normale ecc.) saranno un lontano ricordo per chi in precedenza li praticava.
Per concludere, noi per far capire la tipologia del Kettlebell Training a chi non lo conosce usiamo la seguente similitudine ironica: allenandosi con i pesi si diventa un pollo di allevamento (da batteria) bello da vedere ed espressione di forza non vera. Mentre allenandosi con il Kettlebell si diventa un pollo ruspante (vero), bello da vedere, forte, resistente e dinamico espressione di forza vera cioè una forza funzionale.
Con questo non vuol dire che chi si allena sia un pollo anzi tutt'altro...

Nella prima parte della nostra tesi ci siamo soffermati sull’importanza di una buona forma fisica quale condizione necessaria per gli operatori delle FFOO . Per raggiungere tale obbiettivo abbiamo descritto le qualità del kettlebell training esaltandone le caratteristiche di funzionalità e praticità .
Esaminiamo ora come utilizzare il nostro kb ipotizzando un’ allenamento per un poliziotto con turni di lavoro in”quinta”. Diciamo subito che per un giovane agente libero da particolari problemi è tutto più semplice, la cosa si complica invece quando il nostro soggetto è un quarantenne con famiglia e il tempo contato. Per comprimere i tempi il kb potrebbe essere facilmente custodito in un’ armadietto ed utilizzato nello stesso spogliatoio del nostro ufficio di polizia con brevi ma intensi work-out prima del servizio .
Con l’inizio del turno serale il nostro programma prevede tre serie per un numero massimo di rip.intervallate da un adeguato riposo di “press” seguite da altrettante serie da otto/dieci rip. di” flor press” e per finire tre super set di “swing verticale” e “pompate”.
Il giorno seguente, prima del turno pomeridiano è la volta del “t.g.u.” da eseguire con serie a tempo , secondo le capacità del praticante, seguite da quattro serie di snatch intervallate da un minuto di pausa.
Veniamo al terzo giorno, quello prima del turno mattutino, tre serie di windmil seguite da altrettante di clean-jerk intervallate da giusto riposo.
In ultimo, il quarto giorno, prima del turno notturno, il programma prevede tre serie da tre/cinque rip.di bent press , tre serie di squat, od una sua variante, e tre serie di double bend swing, questi ultimi due esercizi, per il loro grado di fatica, dovranno essere intervallati da un adeguato riposo.
Concludiamo il ciclo con il giorno di riposo sia dall’allenamento che dal lavoro. Questo programma vuole essere solo un’ indirizzo di massima che volutamente non tiene conto delle condizioni fisiche e dello stato di forma del praticante ma invece vuole illustrare come è possibile ottimizzare lavoro ed attività sportiva con mezzora al giorno e solo nei giorni lavorativi. L’allenamento viene programmato volutamente prima del turno di lavoro per poter usufruire di quella carica di adrenalina post work-out che potrà essere utilizzata in positivo per tutto il turno prima che si trasformi in stanchezza.
Capisco che possa sembrare improponibile allenarsi alle sei di mattina piuttosto che alle undici di sera ma vi assicuro che per un turnista è la consuetudine non avere schemi ed orari cadenzati .
Corona Emilio & Razzano Roberto Kettlebell trainer F.I.K D.A.



Altre news
11/01/2012 15:13:56 - Kettlebells & Krav Maga
11/01/2012 11:50:00 - Corso per ALLENATORE di KETTLEBELL TRAINING ACSI-CONI
20/12/2010 16:21:10 - Kettlebell: il miglior strumento per l'allenamento funzionale?
09/08/2010 11:40:07 - Lotta olimpica
09/08/2010 11:00:00 - Gialuigi Ragno

I commenti sono proprietà dei rispettivi autori. Non siamo in alcun modo responsabili del loro contenuto.

Autore Albero
himoro1778
Inviato: 14/5/2012 3:05  Aggiornato: 14/5/2012 3:05
Matricola
Iscritto: 7/5/2012
Da:
Inviati: 12
 Rif.: L’ALLENAMENTO CON KETTLEBLL E LE FORZE DELL’ORDINE

Autore Albero
virenta
Inviato: 29/5/2012 20:39  Aggiornato: 29/5/2012 20:39
Maestro
Iscritto: 16/12/2011
Da:
Inviati: 80
 Rif.: L’ALLENAMENTO CON KETTLEBLL E LE FORZE DELL’ORDINE

Autore Albero
virenta
Inviato: 3/6/2012 14:43  Aggiornato: 3/6/2012 14:43
Maestro
Iscritto: 16/12/2011
Da:
Inviati: 80
 Rif.: L’ALLENAMENTO CON KETTLEBLL E LE FORZE DELL’ORDINE



Dimensione font
Diminuisci la grandezza dei caratteriRiporta i caratteri alle dimensioni normaliAumenta la grandezza dei caratteri
Nuovi utenti
advance_ad 10/5/2012
loans_ae08 10/5/2012
loans_ba07 9/5/2012
himoro1778 7/5/2012
zangqingla 7/5/2012
loans_ab03 6/5/2012
credit_b03 5/5/2012
loans_bb03 5/5/2012
huangls1 5/5/2012
tinastore 4/5/2012
Utenti online
4 utente(i) online (2 utente(i) in News)

Iscritti: 0
Utenti anonimi: 4

Altro...


HomeChi è MarioRegolamento GareContattaciRSS Feed

mario.civalleri@kettlebellitalia.com • (+39) 333 8266757
Kettlebell Italia  |  Design by AkiGB